Cose da Pazzo
La scorsa settimana, l’improvvisa (s)vendita di Pazzini all’Inter ha gettato nello sconforto i tifosi sampdoriani. Io stesso non sapevo bene come dirlo a mio figlio Leonardo, 7 anni, che in camera ha il poster di Pazzini a grandezza naturale, e ha cominciato quest’anno a raccogliere le figurine della Sampdoria e della Serie A (naturalmente nelle pagine della Samp campeggia proprio il Pazzo). L’ho anche portato a Bogliasco a conoscere il suo idolo e lui è stato gentilissimo, davvero un ragazzo simpatico, abbiamo fatto la foto di rito che è poi entrata nel calendario 2011 che regaliamo ai nonni, eccetera eccetera. Poi gli avevo promesso che a primavera, passato il freddo, lo avrei portato allo stadio: anche se Cassano non c’era più, restava Pazzini a regalare gol e spettacolo. Così, la settimana scorsa, gli ho comunicato con cautela la triste notizia ma Leo è stato come sempre superiore a tutto: ha alzato le spalle e ha detto <Vabbè, vorrà dire che terrò per l’Inter>. I danni fatti in questo mercato di gennaio al presente e al futuro della Sampdoria si faranno sentire ancora per molti anni. 
 
< Prec.   Pros. >
 
         


WDG BRUICK