Home
Addio Giulia, arriva Samantha
venerdý 12 luglio 2013
Sono da sempre morbosamente attratto da strani programmi tv, specialmente quelli che riguardano le case: acquistare, vendere, ristrutturare, rinfrescare, eccetera eccetera. Ho cominciato con “Extreme makeover: Home edition” in cui si ristrutturavano le case e le facce dei proprietari, e ho proseguito con tutte le serie possibili ambientate in Italia, Inghilterra, Australia. Una delle mie preferite era “La seconda casa non si scorda mai”, con la poshissima Giulia e l’architetto Nicola: i due ingaggiavano una finta competizione proponendo a una coppia due case a testa, con un budget medio, per vedere quale delle quattro sarebbe stata la prescelta. Dopo due stagioni molto interessanti, in giro per l’Italia, e una terza con discutibili stacchetti pensati forse dagli Enti di Soggiorno, la quarta stagione è una delusione tremenda. Il programma viaggia fuori mercato, il budget delle famigliole è arrivato a livelli paperoneschi (un milione di euro per una seconda casa?!). Nicola propone ville improbabili (e invivibili) disegnate da architetti di grido, Giulia castelli da duecento metri quadri. Insomma una fine ingloriosa. Ma per un bel programma che fa harakiri, eccone un altro che arriva: il mio nuovo idolo è una decoratrice meravigliosa, Samantha Pynn, la sosia di Chiara di Notte, che rimette a posto cottage sui laghi canadesi. Il programma si chiama “Una casa per l’estate”, sul canale Lei di Sky. Ma già smanio all’idea di vedere “Case orribili”. Vi saprò dire. 
 
Nuova ristampa per la "Cacciatrice"
giovedý 11 luglio 2013
L’Enigma di Leonardo mi sta dando grandi soddisfazioni. Ringrazio i tanti lettori che mi hanno inviato mail per complimentarsi, o per darmi suggerimenti preziosi; e anche quelli che hanno trovato il tempo e il modo di fare una piccola recensione su Amazon o su Ibs: indicazioni fondamentali per chi deve decidere se acquistare o meno il libro. Un aspetto molto positivo è che chi non mi aveva mai letto e ha “debuttato” con l’Enigma ora comincia un viaggio a ritroso alla scoperta dei tre gialli precedenti, facendo esaurire le scorte. Diversi lettori mi hanno segnalato nei giorni scorsi che la “Cacciatrice di teste” non era più disponibile in versione cartacea, ma solo in ebook, e oggi posso annunciare con orgoglio che il mio editore Piemme ha subito provveduto alla ristampa: tra pochi giorni la Cacciatrice sarà disponibile in libreria e nei canali di vendita on line. Nel frattempo potete intrattenervi con Domenica nera e il Vicolo delle cause perse… buona lettura, aspetto di conoscere le vostre impressioni e prometto – come sempre - risposte rapide a tutti.
 
La genesi dell'Enigma di Leonardo
giovedý 13 giugno 2013

Nell’ormai lontano 1998, o giù di lì, il mio amico Riccardo mi regalò un libro: <E’ la storia più incredibile che ho mai letto. Tu che sei uno scrittore, dovresti scriverci un romanzo>. Era “Il Santo Graal” di Baigent, Leigh e  Lincoln. Ringraziai Ricky e riposi il libro sulla pila di quelli da leggere, ma pian piano me ne dimenticai lasciando che i nuovi arrivi lo spingessero sempre più in basso. Nel frattempo un americano molto più sveglio di me divorava il saggio sul Graal con lo stesso entusiasmo con cui io, qualche anno più tardi, avrei divorato il suo “Codice da Vinci”.

Certi treni passano una sola volta nella vita, pensai, salvo scoprire poi che quando parliamo di Leonardo tutto è possibile. Un altro treno proveniente da Vinci, forse quello costruito grazie ai suggerimenti di Benigni e Troisi, ripassò sotto casa mia tre anni fa grazie a un lettore che aveva apprezzato “La cacciatrice di teste”. E che mi raccontò una storia affascinante e non ancora conclusa: due antiquari genovesi possedevano un disegno di Leonardo da Vinci, anzi addirittura un suo autoritratto firmato; ma il mondo accademico non osava dichiararne l’autenticità. La vicenda del disegno, del suo ritrovamento, delle perizie svolte era già di per sé avventurosa e interessante (potete leggerla sul sito del Leonardo ritrovato). Decisi perciò di salire sul treno e provare a spingerlo più in là, nel territorio della fiction, affidando l’indagine sull’autoritratto all’abilità del commissario Luciani.

Spero che “L’Enigma di Leonardo” diverta i lettori e aiuti il disegno a diventare uno dei capolavori riconosciuti del Maestro. A proposito di corsi e ricorsi: il mio libro, del tutto casualmente, è uscito lo stesso giorno del nuovo romanzo di Dan Brown. E siccome nulla accade per caso, lo considero un segno di buon augurio.     

 
Una chat e una presentazione
lunedý 27 maggio 2013
Sono passate due settimane dall’uscita dell’ Enigma di Leonardo, e il libro è già in ristampa: davvero una bellissima notizia. So che Dan Brown, uscito lo stesso giorno, ha venduto una o due copie in più, ma insomma mi difendo piuttosto bene. Anche i primi riscontri a livello di recensioni sono positivi, e continuo a ricevere email e messaggi su facebook molto incoraggianti. Ho deciso di spendermi per questo libro più di quanto ho fatto per i precedenti, perciò abbiate pazienza se per un mese o due vi tormenterò parlando quasi solo di quello; ma la vita di un libro è sempre più breve ed è giusto che lo segua con attenzione. Intanto chi ha voglia di incontrarmi per uno scambio di idee o una firma sul libro potrà farlo virtualmente giovedì, dalle 16 alle 17, sulla bacheca facebook dell’editore Piemme: un’oretta in cui racconterò  qualcosa della mia scrittura. Poi, martedì 11 giugno alle 18, potrà farlo dal vivo: insieme all’amico e collega Franco Manzitti presenterò L’Enigma di Leonardo alla libreria Feltrinelli di via Ceccardi, a Genova. Vi aspetto non con ansia, ma con gioia.
 
Leonardo, prime impressioni
lunedý 20 maggio 2013
L’Enigma di Leonardo è partito bene, e di questo ringrazio i miei lettori. C’è chi mi segnala di non averlo trovato in libreria, perché le copie - evidentemente poche :-( - erano esaurite, e chi mi scrive di averlo divorato in un giorno solo o in due. In questi casi resto sempre annichilito dalla sproporzione tra la durata della mia fatica (mesi se non anni di lavoro) e quella del lettore. D’altra parte, se qualcuno impiegasse mesi a finirlo, mi preoccuperei molto di più! Ribadisco a tutti che un giudizio positivo è per me molto più importante dell’euro che guadagno, più o meno, su ogni copia venduta. E vi invito a inviarmi i vostri commenti positivi; e, se avete tempo e modo e voglia, a scriverli anche su Amazon o su Ibs o dove possa funzionare un po’ di passaparola. Per gli autori come me, che non vanno in tv, non giocano a calcio e non scrivono libri di ricette, è l’unico modo per farsi conoscere. I commenti negativi sono comunque ben accetti, ci mancherebbe altro. Spesso le critiche mi sono state utili per evitare gli stessi errori nei libri successivi, o almeno lo spero. A questo indirizzo trovate un miniraccontino gratuito da scaricare:, niente di clamoroso, solo un regalo dedicato ai tanti amici podisti. Ma anche una traccia di possibili futuri sviluppi, per chi ha già letto il libro.
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 46 - 54 di 278
 
         


WDG BRUICK